L’UNICA GARANZIA PER LA PACE SARA’ LA COMPLETA SCONFITTA DELL’ESERCITO RUSSO E LA DISTRUZIONE DI PUTIN E DEL SUO REGIME FASCISTA

I militanti di sinistra fuori dall’Ucraina sono abituati ad ascoltare solo la propaganda di Mosca

Intervista con anarco-sindacalisti nell’Ucraina orientale


Yavor Tarinski del giornale libertario greco Aftoleksi intervista due anarchici dell’Ucraina orientale; attivi per decenni fino all’invasione del 2014, quando è crollata la possibilità di qualsiasi azione politica diretta.
Sono entrambi ciò che molte persone tendono a chiamare, semplicisticamente, cittadini ucraini di “lingua russa”.

Questa intervista è stata sollecitata dai referendum condotti dalle forze di occupazione russe in quella regione; nonché dal riemergere di notizie false sulla loro organizzazione anarchica RKAS, della quale sono militanti e fondatori.
Continuiamo a dare voce a coloro che sono direttamente coinvolti in questa barbara guerra di violenza fisica e diffamazione. Una voce che gli Stati e gli interessi politici organizzati cercano di mettere a tacere.

Yavor Tarinski (YT): Ciao e grazie mille per aver dedicato del tempo a parlare con noi nel bel mezzo di una zona di guerra. Iniziamo conoscendovi un po’ meglio.
In che parte dell’Ucraina vivete?

Anatoliy Dubovik (AD): Mi chiamo Anatoly Dubovik. Ho 50 anni, sono anarchico dal 1989. Sono nato a Kazan (Russia) e vivo da oltre 30 anni in Ucraina, nella città di Dnipro (ex Dnepropetrovsk, ex Ekaterinoslav). Questa è la parte orientale dell’Ucraina.

Sergiy Shevchenko (S.Sh.): Mi chiamo Sergei Shevchenko. Ho 48 anni, sono anarchico dal 1988. Sono nato e ho vissuto per la maggior parte della mia vita a Donetsk, il centro del Donbas. Nel 2014 sono stato costretto a partire per Kiev dopo l’inizio di una rivolta separatista di ispirazione russa nella mia città.
Sono al fronte dalla fine di febbraio 2022.


YT: Siete entrambi membri ben noti del gruppo storico anarco-sindacalista RKAS. Puoi dirci qualcosa in più su di esso e sulle sue attività prima della guerra?

AD e S.Sh.: Prima di tutto, dobbiamo chiarire che RKAS non era solo un gruppo, ma un’organizzazione. Quando il movimento anarchico iniziò a rivivere in URSS alla fine degli anni ’80, era afflitto dall’irresponsabilità, dalla mancanza di strategia e dal non prendere sul serio i suoi obiettivi: molti stavano semplicemente “giocando con l’anarchismo”. La rinascita del movimento anarchico iniziò a Donetsk quando rappresentanti di diversi piccoli gruppi e singoli attivisti che non avevano perso la fiducia nei loro ideali si unirono per formare la propria organizzazione.

Così, in alternativa al movimento fino a quel momento caotico, nel 1994, è stata creata la RKAS, la Confederazione Rivoluzionaria degli Anarchici-Sindacalisti, intitolata a Nestor Makhno. Era un’organizzazione che introduceva principi di funzionamento più chiari: pianificazione, sistematizzazione, disciplina internaTutto ciò ha prodotto buoni risultati, anche se non immediatamente.
Pochi anni dopo la sua fondazione, RKAS era già un’organizzazione attiva in varie regioni dell’Ucraina e aveva un discreto successo.
Siamo stati coinvolti nel movimento operaio, il movimento studentesco, abbiamo avuto un’influenza significativa sul movimento sindacale indipendente, in particolare tra i minatori del Donbas, dove i rappresentanti della RKAS hanno partecipato ai comitati di sciopero locali e regionali.

Abbiamo partecipato a un movimento pan-ucraino per proteggere i diritti dei lavoratori e contrastare il deterioramento della legislazione sul lavoro.
Si è proceduto con varie iniziative editoriali. Il primo è stato il quotidiano Anarchy [1993-2013] che è stato pubblicato quasi tutti gli anni di esistenza di RKAS.
Abbiamo anche pubblicato la newsletter anarco-sindacalista e il bollettino analitico e varie pubblicazioni per specifici gruppi sociali: il giornale dei lavoratori Voice of Labor, il quotidiano studentesco Unity, la rivista per giovani Ucraina Rivoluzionaria e altri. Abbiamo, inoltre, distribuito opuscoli propagandistici e teorici di vari autori, dai classici di Bakunin e Malatesta alle opere di scrittori contemporanei.

Nel corso del tempo RKAS si è evoluta in qualcosa di simile a una piccola Internazionale: avevamo sedi in altri paesi, principalmente, in Georgia e Israele.
Non sono durati a lungo, ma sono esistiti. E poco prima dell’inizio della guerra [2014], stavamo lavorando per creare un sindacato anarco-sindacalista in Ucraina, la Confederazione generale del lavoro anarco-sindacalista. Questo non ha potuto essere completato a causa dell’invasione russa della Crimea e del Donbas.


YT: Potete descrivere quale è stata la reazione di RKAS dopo l’inizio dei conflitti nell’Ucraina orientale, nel 2014?

AD e S.Sh.: Il “conflitto”, cioè l’invasione armata, è iniziato nell’Ucraina meridionale quando l’esercito russo ha occupato la Crimea nel febbraio 2014.
La rivolta separatista di ispirazione russa nell’est è iniziata più tardi, circa un mese.
Ci era chiaro fin dall’inizio che la Russia non poteva fare nulla di buono in Ucraina.
Nel 2014, in Russia era già stato instaurato un regime autoritario reazionario che negava tutti i diritti individuali e sociali e perseguitava brutalmente e distruggeva ogni attività indipendente.
Naturalmente, abbiamo ancora molte domande sullo Stato ucraino e sulla classe dirigente in Ucraina. Ma, almeno, il movimento anarchico, il movimento socialista in Ucraina è stato in grado di operare in modo relativamente libero per alcuni anni.
È sufficiente dire che durante l’esistenza dello Stato ucraino indipendente non c’è stato un solo prigioniero anarchico. Allo stesso tempo, molte dozzine di nostri compagni in Russia sono finite nelle carceri russe, colpevoli esclusivamente delle loro convinzioni anarchiche. Quindi, eravamo ben consapevoli di ciò che Putin ha fatto contro le idee libertarie.

La reazione della RKAS è stata, quindi, irreversibile: bisognava resistere con ogni mezzo all’attacco russo.
Ma qui è sorto subito un problema. Il punto è che la RKAS è stata fondata ed esiste da 20 anni come organizzazione per la propaganda delle idee anarchiche e come organizzazione che sostiene le azioni anarco-sindacaliste. In altre parole, come organizzazione adattata a forme legali e semi-legali di impegno in tempo di pace.
La guerra ha cambiato tutto, compresi i compiti immediati che gli attivisti del movimento anarchico devono affrontare nel qui e ora.

La vecchia organizzazione, le vecchie forme di attività si sono rivelate, semplicemente, insufficienti o impossibili nelle nuove condizioni.
Erano necessarie nuove forme e principi di lavoro, orientati principalmente alla resistenza sotterranea contro gli occupanti. Ciò includeva la resistenza armata.
Pertanto, nell’aprile 2014, c’è stata un’ampia discussione tra i membri RKAS sul nuovo processo e sulla strategia di resistenza, con i risultati che hanno portato allo scioglimento dell’organizzazione. Dopodiché, iniziò una nuova fase nella storia del movimento anarchico in Ucraina.


YT: Siete a conoscenza del fatto che al di fuori dell’Ucraina circolavano false informazioni sul fatto che la RKAS fosse in qualche modo collegata alla creazione delle cosiddette “repubbliche popolari” nel Donbas?

AD e S.Sh.: Sì, lo abbiamo scoperto a settembre 2022, grazie a un post sui social media greci. Questa pubblicazione non contiene nient’altro che miserabili invenzioni e le più stupide bugie. Ad esempio, era accompagnata dall’immagine di una manifestazione di persone con bandiere nere e rosse, con la didascalia:

“Membri della RKAS alla manifestazione anti-Maidan a Donetsk nel 2014”!In effetti, questa foto è stata scattata da noi alla manifestazione del 1° Maggio 2012. Lo striscione che abbiamo tenuto in quella manifestazione, raffigurato nella foto, recitava chiaramente: “La nuova riforma del lavoro è la schiavitù legalizzata”.
In altre parole, non c’era niente a favore o contro Maidan – dopotutto, questa manifestazione ha avuto luogo pochi anni prima di Maidan, nel bel mezzo della nostra lotta contro il tentativo del governo di cambiare le leggi sul lavoro.
L’autore della falsa didascalia sotto questa foto ha ingannato i suoi lettori.

In generale, da anni siamo sorpresi dal fatto che molte persone in Europa e in America preferiscano ottenere informazioni sul movimento anarchico o socialista in Ucraina non da anarchici o socialisti ucraini, ma da chiunque sia al di fuori dell’Ucraina. Perché lo fanno è un grande mistero.

A proposito, dovremmo aggiungere che la menzogna sulla cooperazione del nostro popolo della RKAS con l’FSB (cioè i servizi segreti russi) e sulla partecipazione della RKAS al movimento filo-russo nel Donbas è supportata e diffusa dall’estrema destra! Pertanto, coloro che ripetono queste invenzioni sono dalla stessa parte dei nazisti. Beh, forse gli piace…

In effetti, né prima di Maidan, né in generale in tutti gli anni in cui i membri della RKAS sono stati coinvolti nel movimento anarchico, non abbiamo mai sostenuto né il separatismo filo-russo in Ucraina né le tendenze imperialiste russe.
Già alla fine degli anni ’80, la maggior parte degli anarchici ucraini, compresi i futuri membri dell’RKAS, erano attivamente coinvolti nella lotta per l’indipendenza dell’Ucraina. In seguito, come RKAS, ci siamo opposti fermamente alla guerra in Cecenia e abbiamo sostenuto un’Ichkeria indipendente.
Non solo: alcune delle nostre pubblicazioni sono state stampate in ucraino, la nostra “Radio RKAS Libertaria” è stata trasmessa anche in ucraino e una delle nostre pubblicazioni, come già accennato, si chiamava Ucraina Rivoluzionaria.

Quindi, molto prima del 2014 la posizione della RKAS era abbastanza chiara:
a favore di una Ucraina libera, indipendente e operaia. Questa è la tradizione di RKAS, la tradizione del movimento anarchico ucraino in generale. Pertanto, qualsiasi fantasia su un “RKAS filo-russa” è completamente sciocca e inaccettabile.


YT: Cosa hanno fatto i militanti RKAS dall’inizio dell’invasione?

AD e S.Sh.: Quelli di noi che hanno continuato il nostro lavoro sociale come anarchici hanno fatto e stanno facendo ogni genere di cose. La maggior parte di noi ha capito che prima o poi la Russia avrebbe iniziato una massiccia invasione, iniziata in realtà il 24 febbraio 2022. Per quanto possibile, ci siamo preparati a tutte le diverse forme di resistenza: abbiamo addestrato volontari in organizzazioni militari non ufficiali, da cui sono poi emerse unità di difesa territoriale. E alcuni altri sono stati direttamente coinvolti nella resistenza:
nel 2014-2015, ex membri della RKAS hanno creato gruppi di combattimento illegali che hanno condotto la guerriglia nel Donbas.

Nel Territorio Libero dell’Ucraina, gruppi di ex membri della RKAS hanno anche lavorato in vari progetti sociali, aiutando principalmente i bambini rifugiati dal Donbas e dalla Crimea.
Certo, abbiamo anche continuato le nostre attività culturali ed educative e diffuso idee anarchiche. Quindi, non siamo scomparsi nel nulla, abbiamo continuato le nostre attività e la nostra vita da anarchici. Non più nella forma della nostra ex organizzazione RKAS.
Alcuni di noi sono ora sul fronte interno, aiutando a difendere la gente.
Alcuni sono al fronte con le armi in mano come membri dell’esercito o delle Unità di Difesa Territoriale.

Sono anche riusciti a organizzare comitati anarchici di soldati nelle unità in cui prestano servizio. Questi comitati difendono i diritti dei soldati, organizzano assistenza volontaria e svolgono attività ideologiche e di addestramento anarchico nelle loro unità. Tutto questo verrà spiegato più dettagliatamente dopo la vittoria.


YT: Qual era la situazione nelle cosiddette “repubbliche popolari” “DPR” e “LPR” e negli altri territori occupati: anarchici e sinistra sono stati costretti ad andarsene?
C’era il reclutamento obbligatorio di civili nell’esercito filo-russo?

S.Sh.: Sono stato costretto a lasciare la mia città natale, Donetsk. Un totale di 1,5 milioni di persone ha lasciato il Donbas per l’Ucraina dal 2014. Mentre la popolazione del Donbas era di 6 milioni.

AD e S.Sh.: La questione non è nemmeno che la maggioranza degli anarchici e dei socialisti abbia lasciato il Donbas occupato (non sappiamo cosa intendi per “sinistra”: la parola racchiude persone con visioni molto diverse, dagli anarchici agli stalinisti, che non hanno niente in comune…)
Ma il punto principale è che nei territori occupati dalla Russia c’è una sola possibilità: essere assolutamente fedeli al potere. L’alternativa è l’arresto, dopo il quale non ci sono più informazioni sulle persone.
Per quanto riguarda il reclutamento nell’esercito di civili dal Donbas occupato, prima del 2022 non vi era alcuna coscrizione forzata ufficiale.
Ma c’era qualcos’altro: dopo l’instaurazione dei regimi secessionisti, è iniziata la massiccia chiusura delle imprese e il loro equipaggiamento è stato esportato in Russia.

Ogni anno diventava sempre più difficile trovare lavoro in una determinata professione. L’unico posto in cui un uomo adulto e fisicamente in forma poteva davvero guadagnare soldi era nell’esercito. E molte persone si sono arruolate nel servizio militare. Ciò è continuato fino a febbraio 2022, quando il “DPR” e “LPR” hanno annunciato una coscrizione generale.

Poi, la coscrizione forzata assunse le sue forme più incredibili: la gente veniva radunata per le strade, sui mezzi pubblici e nelle università e portata ai punti di leva. Pochi giorni dopo, questi uomini erano al fronte. La maggior parte di loro non aveva mai impugnato una pistola prima. Sono morti e continuano a morire in gran numero.

In realtà, la coscrizione russa nel Donbas è stato un genocidio della popolazione locale. Ora, in un futuro molto prossimo, la stessa sorte minaccia la popolazione delle regioni di Zaporizhzhya e Kherson che hanno iniziato a essere reclutate con la forza nell’esercito russo.


YT: Qual è la situazione sociale generale dal 2014 nelle regioni dell’Ucraina orientale occupate dai separatisti sostenuti dalla Russia?

AD e S.Sh.: La Russia di Putin si è sostanzialmente trasformata in uno Stato fascista in cui l’intera popolazione è privata di tutti i diritti. Nelle regioni dell’Ucraina che sono passate sotto il controllo dell’esercito di Putin e dei separatisti filorussi, la situazione è persino peggiore che nella stessa Russia.
Ad esempio, a fine 2014, si sono verificati tentativi di organizzare scioperi nelle miniere allora ancora in funzione, a difesa degli interessi prettamente economici dei lavoratori. Questi tentativi sono stati repressi con metodi puramente da gangster, di cui abbiamo potuto leggere solo nei libri di storia del XIX secolo: gli iniziatori e i partecipanti attivi degli scioperi sono portati fuori città, picchiati e minacciati di morte. Non sono possibili raduni, marce, riunioni e altre azioni pubbliche da parte di organizzazioni sociali indipendenti, inclusi i sindacati.

Come ogni regime fascista, le autorità russe e i loro governi fantoccio nel Donbas considerano loro dovere interferire nella vita personale delle persone.
In particolare, le persone che non condividono i cosiddetti valori ‘tradizionali’, cioè le opinioni più conservatrici della sezione ultraconservatrice della Chiesa ortodossa russa. L’orientamento sessuale “sbagliato” o la religione “sbagliata” sono una ragione sufficiente perché una persona venga perseguitata, molestata, licenziata dal lavoro, arrestata. Naturalmente, non ci sono organizzazioni LGBTI nella “Repubblica Popolare” di Donetsk (DPR) e Luhansk (LPR) – è semplicemente impossibile esistere.
Allo stesso tempo, la maggior parte delle organizzazioni religiose protestanti, greche e cattoliche esistenti prima del 2014 sono state sciolte. I Testimoni di Geova e i Mormoni, le cui attività sono vietate anche in Russia, sono particolarmente duramente perseguitati.

La cosa principale che dovresti sapere sul regime DPR e LPR è che il loro obiettivo è distruggere QUALSIASI dissenso e sopprimere QUALSIASI disobbedienza.
Questo è ciò che li mette alla pari con i peggiori esempi di regimi del passato.
Come la Germania nazista o l’URSS di Stalin.
Questa è la cosa che non ci lascia altra scelta che combattere contro questi regimi.


YT: Tuttavia, colpisce la facilità con cui i separatisti filo-russi hanno conquistato le città del Donbas nei primi giorni del conflitto del 2014. Non sembra che ci sia stata molta resistenza da parte delle autorità ucraine. Al contrario, è come se fosse avvenuto un cambio di regime organizzato ‘dall’alto’.

AD e S.Sh.: Sì, non c’è stata alcuna resistenza da parte delle autorità locali alle rivolte secessioniste nelle città delle regioni di Donetsk e Luhansk. Nel migliore dei casi, le autorità sono scomparse e si sono allontanate dagli eventi. Nel peggiore dei casi, hanno guidato la rivolta! Questo vale per l’amministrazione politica, l’intera dirigenza della polizia, i servizi segreti della SSU, la procura e così via.
Tuttavia, c’era resistenza, ma proveniva semplicemente da gente comune senza un’autorità particolare. A marzo e aprile 2014 si sono svolte manifestazioni filo-ucraine a Donetsk e in altre città, dove si sono radunate molte persone.
Queste manifestazioni sono state attaccate dai separatisti. Le prime vittime della guerra nel Donbas furono quelle stesse persone picchiate con manganelli o rapite dai soldati filorussi, portate fuori città e lì giustiziate. Tutto questo è considerato abbastanza noto.


YT: Sarete consapevoli, tuttavia, che al di fuori dell’Ucraina, alcuni canali alternativi di disinformazione affermano che la “vera” sinistra in Ucraina sostiene i separatisti e l’occupante (e come accennato in precedenza, anche il tuo gruppo è stato calunniato con simili fake news)?
E in generale, stanno cercando di ritrarre il conflitto come uno tra il “4°° Reich” ucraino e il fronte progressista filo-russo?

AD e S.Sh.: Certo, lo sappiamo. E speriamo che i vostri lettori abbiano già visto quanto siano “progressiste” le azioni delle autorità filo-russe.
Ma in effetti, quasi tutti gli anarchici ucraini stanno ora resistendo in qualche modo a Putin e all’invasione russa.
E conosciamo molti marxisti anti-autoritari ucraini che si trovano nella stessa posizione, ad esempio il gruppo del Movimento Sociale, il sindacato indipendente Defending Labour, la redazione della rivista socialista Commons e altre iniziative.

Questi e altri gruppi sono poco conosciuti fuori dall’Ucraina, ma questo è semplicemente perché la “sinistra” fuori dall’Ucraina (di nuovo: non sappiamo chi siano) è abituata ad ascoltare solo i moscoviti. A nostro avviso, ciò significa che per molti fuori dell’ex Unione Sovietica, l’impero sovietico è ancora vivo oggi.
Almeno nelle loro menti, nelle loro fantasie…

Quanto agli stalinisti… Possono dire quello che vogliono, possono portare le bandiere più rosse del mondo, ma in realtà sono una forza reazionaria sottomessa al nazionalismo russo e all’imperialismo russo.

La “sinistra” occidentale guarda i nomi dei partiti nei nostri paesi qui e pensa qualcosa del tipo: “Oh, queste devono essere persone fantastiche!”
Ad esempio, nel nostro paese c’era il famoso “Partito socialista progressista dell’Ucraina”. Con questo nome molto clamoroso, questo partito ha organizzato eventi congiunti con uno dei principali ideologi del nazionalismo e del fascismo russo moderno: Alexander Dugin; ha utilizzato immagini e vocabolario razzisti e omofobi nella sua propaganda.
Puoi considerarli “di sinistra”, ma in questo caso né Marx, né Lenin, né Trotsky potrebbero essere “di sinistra” in alcun senso.


YT: In effetti, l’invasione russa dell’Ucraina ha rivelato alcuni problemi radicati nei movimenti libertari e di sinistra in tutto il mondo. Mentre questi movimenti sono stati tradizionalmente apparentemente contrari all’autoritarismo, si scopre che c’è una percentuale non così piccola di persone, anche tra coloro che si considerano anarchici e libertari, che stanno esprimendo, almeno indirettamente, il loro sostegno all’invasione di Putin, perché per loro l’obiettivo geopolitico della Russia di guadagnare terreno contro la NATO vale anche molte vite civili perse nella guerra o nella creazione di un nuovo regime mafioso nei territori occupati.
Qual è, secondo voi, il futuro dei movimenti anarchici mondiali alla luce della divisione tra ciò che potremmo definire “strettamente geopolitici” e gli anarchici sociali?

AD e S.Sh.: Siamo convinti che troppi socialisti e persino libertari in tutto il mondo siano bloccati nei concetti e nelle realtà del secolo scorso, senza accorgersi che il mondo è molto cambiato. E questo è un problema enorme che è appena diventato evidente con l’inizio di una nuova serie di azioni aggressive da parte della Russia.

Ricordiamo che l’Ucraina non è stata la prima vittima dell’imperialismo russo moderno.

Ci sono state invasioni russe della Georgia e della Moldova negli anni ’90.

C’è stata una guerra coloniale nel Caucaso che è continuata fino agli anni 2000.

I carri armati russi sono rientrati in Georgia nel 2008.

La Russia è intervenuta in Siria dall’inizio degli anni 2010.

Le truppe russe sono state utilizzate per reprimere la rivolta in Kazakistan nel gennaio 2022.

La guerra in Ucraina è semplicemente una nuova scala di violenza da parte di Mosca, come non accadeva in Europa da molto tempo, ma non qualcosa di fondamentalmente nuovo per la politica di omicidio di Mosca, di distruzione e occupazione.

La “sinistra” che sostiene la Russia oggi la vede come qualcosa di simile all’URSS della seconda metà del 20° secolo. Senza notare che anche i discorsi di “socialismo”, “giustizia sociale” e “stato nazione” usati allora sono crollati da tempo e le persone in Russia sono private della maggior parte dei diritti e vivono in condizioni sociali, economiche e quotidiane spaventose.

Le persone in Russia vivono in uno stato di polizia e sono perseguitate per la loro nazionalità (come i tartari di Crimea), per le loro convinzioni religiose (come l’appartenenza ai Testimoni di Geova, ai Mormoni o alle sette non ortodosse dell’Islam), per non parlare della persecuzione per le loro convinzioni opposte.

Solo due esempi: il matematico e anarchico di Mosca Azat Miftahov è stato accusato di aver rotto una finestra negli uffici del partito al potere Russia Unita.
È stato processato per questo crimine efferato e nel 2021 è stato condannato a sei anni di carcere.

Gli anarchici Dmitry Chibukovsky e Anastasia Safonova della città di Chelyabinsk negli Urali hanno affisso uno striscione su una recinzione con la scritta “L’FSB [Servizio di sicurezza federale, servizi segreti russi] è il principale terrorista”.
Sono stati condannati a 2,5 e 2 anni di carcere per questo atto. Pochi giorni fa, 10 settembre 2022.

La sinistra vede nella Russia di Putin un’alternativa alla Nato, una rivale della Nato.
In un certo senso hanno ragione: la Russia è infatti contraria alla NATO.
Ma non vedono, e non vogliono vedere che l’alternativa russa significa solo il desiderio di perseguire la propria politica imperialista, indipendente ma uguale (se non peggiore).
L’obiettivo geopolitico della Russia non è affatto fermare l’imperialismo occidentale, ma rendere la Russia di nuovo un impero, più potente, aggressivo e disumano dell’“Occidente” convenzionale.
Lo stato russo, avendo soppresso la libertà e l’indipendenza in patria, non può portare alcuna libertà e indipendenza ad altri paesi.

La “sinistra” filorussa non lo vede. Per usare l’analogia con il romanzo 1984 di George Orwell, tali “sinistri” si schierano con il Grande Fratello dell’Eurasia contro il Grande Fratello dell’Oceania.
Sono degli idioti.

Quanto al futuro. Non siamo particolarmente interessati al futuro e alle prospettive della “sinistra” e dei movimenti socialisti di Stato nel mondo.
Siamo anarchici e pensiamo prima di tutto al movimento anarchico.
Il nostro slogan rimane lo stesso di sempre: l’emancipazione dei lavoratori è una questione che riguarda i lavoratori stessi! E la scissione tra gli anarchici sociali e quelli che lei chiamava “geopolitici ristretti” non è ancora avvenuta, purtroppo.
Non ci siamo ancora tutti resi conto che questa scissione sarà necessaria e inevitabile…


YT: Vorremmo conoscere la vostra opinione sui referendum sull’annessione alla Federazione Russa dei territori attualmente occupati del Donbas.
In che misura queste possono essere considerate la volontà di un popolo, data l’esistenza dell’esercito di occupazione e la brutale repressione?
Abbiamo visto che tali referendum si tengono dal 2014 con votazioni trasparenti e altri punti problematici in Crimea, quindi, possiamo presumere che questa sia una parte importante della strategia russa?


AD e S.Sh.: In questi giorni, mentre stiamo rilasciando interviste, Internet è piena di video dai territori occupati che mostrano come vengono condotti i “referendum”. Chiunque può vedere che non ci sono seggi elettorali o urne, trasparenti o meno. Nei video possiamo vedere che gruppi di persone, 4-5 persone, tra le quali ci sono sempre due persone in divisa militare con armi, girano per gli appartamenti dei cittadini e chiedono loro di firmare le ‘schede elettorali’.

Questo non è un referendum. Questa è una prova totale della lealtà della popolazione nei confronti degli occupanti che sta letteralmente avvenendo sotto la minaccia dei fucili automatici.

C’è un altro punto importante. Un referendum è un concetto legale.
Il ‘referendum’ di oggi è stato indetto dalle autorità statali. Ciò significa che il “referendum” di oggi deve essere condotto in conformità con la legge statale.
Ma a quale legge si attiene esattamente un “referendum” nei territori occupati?
La legge russa non dice assolutamente nulla sui referendum; dal 1991 non si è mai tenuto alcun referendum in Russia.
La legge ucraina, invece, prevede che un referendum possa svolgersi solo sull’intero territorio del Paese, non nelle singole regioni. In altre parole, anche dal punto di vista formale, si tratta di un’azione priva di senso che non può avere alcuna conseguenza giuridica.
Siamo sicuri che qualsiasi persona comune può capire da sé cosa sia davvero questo “referendum”.


YT: Cosa riserva il futuro dell’Ucraina dopo la fine della guerra?
Abbiamo sentito che la UE sta spingendo il governo ucraino ad approvare una nuova legislazione anti-sindacale e che l’enorme debito nazionale non è stato cancellato o ridotto.

AD e S.Sh.: Dopo la vittoria dell’Ucraina in guerra, ci aspetta una nuova lotta, per gli interessi sociali ed economici del popolo ucraino. Sì, già ora il governo sta approvando nuove leggi antisindacali e, più in generale, anti-lavoro.
Ma speriamo che dopo la vittoria avremo buone prospettive per lo sviluppo e l’attivazione del movimento sociale e anarchico ed ecco perché:

In primo luogo, il popolo ucraino ha già sconfitto l’aggressore in un certo senso, almeno ha vinto la prima fase della guerra. Ciò è accaduto tra la fine di febbraio e il marzo 2022, quando la resistenza sul fronte ha sventato il piano originale della guerra lampo, il piano per una rapida conquista dell’Ucraina.
Il popolo vedeva la propria forza, la propria capacità di resistere a un nemico esterno. È improbabile che tollerino silenziosamente un futuro sotto attacco da parte di un nemico interno.

In secondo luogo, vedete, l’anarchismo non ha nulla a che fare con il fatto che un punk con uno spillo nell’orecchio ha dipinto “la lettera A in un cerchio” sul muro.
Non si tratta nemmeno di uno scienziato rispettabile con gli occhiali che tiene un’altra lezione sui pensieri e le idee di Proudhon o Bakunin.
L’anarchismo riguarda la capacità delle persone di risolvere i propri problemi senza il coinvolgimento dello Stato e di altre strutture gerarchiche.

Risolvere problemi basati sull’auto-organizzazione e sull’ampia interazione delle iniziative locali.
Non importa come si chiamano. Ciò che conta è la sostanza, non il nome.

Al momento, in Ucraina esiste un numero enorme di iniziative auto-organizzate non statali. Si occupano di una varietà di problemi, dall’aiutare i rifugiati e proteggere le piccole comunità a fornire ai militari tutto ciò di cui hanno bisogno.

In questo senso, oggi, l’Ucraina segue le pratiche anarchiche più di molte altre società del mondo

A proposito, non è questa una buona immagine per sfatare un po’ il mito del “regime nazista” in Ucraina?


YT: Qual è, secondo voi, la portata dell’attuale contrattacco e può essere considerato un punto di svolta nella guerra? E quali sono le prospettive per i regimi nazionalisti di Putin e Lukashenko?

AD e S.Sh.: La situazione è visibile a tutti: in tre settimane l’esercito ucraino ha cacciato le truppe russe dall’intera regione di Kharkiv e sta gradualmente spostando i combattimenti nella regione di Luhansk.
Per inciso, i russi hanno cercato di invadere la regione per cinque mesi.
Ora il ritmo dell’offensiva è notevolmente rallentato, il che è abbastanza normale: è sempre stato così in tutte le guerre. Se questa offensiva sarà un punto di svolta lo scriveranno gli storici del futuro…
I regimi nazionalisti fascisti di Putin e Lukashenko crolleranno inevitabilmente.
Quando e come accadrà, lo vedremo tutti con i nostri occhi.


YT: È stato detto che l’invasione potrebbe concludersi con una sorta di negoziato, con lo Stato ucraino che rinuncia ad alcuni territori per mantenere la sua sovranità indipendente su tutte le altre regioni ucraine.

AD e S.Sh.: Tutte le guerre si sono concluse con la pace, ma non tutte le guerre si sono concluse con i negoziati. Ad esempio, i negoziati non furono necessari per porre fine alla guerra contro la Germania nazista: i nazisti furono distrutti e Hitler si suicidò nel suo bunker. Lo stesso destino potrebbe attendere Putin.
Soprattutto perché ha già preparato un bunker per se stesso molto tempo fa.

Il compromesso di cui parli (cedimento di parte del territorio per mantenere la sovranità del resto dell’Ucraina) è impossibile. La questione non è neppure quella per cui cedere qualche milione di ucraini al regime fascista di Putin sarebbe un tradimento. Vedete, la Russia di oggi ha da tempo dimostrato la sua incapacità di capitolare, di convivere pacificamente con i paesi vicini che ha scelto come sue vittime. Ciò era evidente nelle due guerre coloniali nel Caucaso.
Negli anni ’90, il popolo ceceno ha inflitto una grave sconfitta all’esercito russo e il governo russo ha accettato la pace. Gli anni seguenti furono trascorsi a prepararsi per una nuova invasione dell’indisciplinata Cecenia e, quando una nuova forza ancora più potente fu assemblata, l’esercito russo ricominciò da capo.


La società ucraina ricorda questi eventi e sa che l’unica garanzia per la pace sarà la completa sconfitta dell’esercito russo, la distruzione del regime di Putin e cambiamenti molto profondi nello Stato russo e nella società russa.
Probabilmente è troppo presto per discutere le forme specifiche di questi cambiamenti, ma non possiamo più farne a meno.


YT: Grazie mille per il vostro tempo! Abbiate cura di voi e continuate a lottare per un’Ucraina più libera, al di là del capitalismo e dello statalismo!

AD e S.Sh.: Grazie! Viva un’Ucraina libera e indipendente!


NOTA: Dall’inizio del conflitto tra Russia e Ucraina nel 2014, c’è una minoranza notevole che ha sofferto molto, ma pochi ne parlano: i tartari musulmani della Crimea. Dall’inizio dell’occupazione russa della Crimea, le forze russe hanno iniziato un’importante repressione dei tartari musulmani chiudendo il loro canale televisivo, vietando le loro organizzazioni e persino picchiando a morte i manifestanti tartari che hanno reagito all’invasione, credendo che i loro diritti sarebbero stati pregiudicati se la Crimea ucraina fosse stata annessa al regime russo di Putin.

NOTA: Dall’inizio del conflitto tra Russia e Ucraina nel 2014, c’è una minoranza notevole che ha sofferto molto, ma pochi ne parlano: i tartari musulmani della Crimea. Dall’inizio dell’occupazione russa della Crimea, le forze russe hanno iniziato un’importante repressione dei tartari musulmani chiudendo il loro canale televisivo, vietando le loro organizzazioni e persino picchiando a morte i manifestanti tartari che hanno reagito all’invasione, credendo che i loro diritti sarebbero stati pregiudicati se la Crimea ucraina fosse stata annessa al regime russo di Putin.
Nel 1944, durante il periodo sovietico, oltre 180.000 tartari di Crimea furono costretti a salire a bordo di carri bestiame ed esiliati in Uzbekistan per ordine di Joseph Stalin. A quel tempo, la propaganda di stato sovietica giustificava questa politica razzista accusando tutti i tartari di essere collaboratori nazisti, nonostante il fatto che molti tartari avessero prestato servizio nell’Armata Rossa prima di allora.

Non dimentichiamo, inoltre, che la propaganda sovietica aveva in molte occasioni giustificato l’incarcerazione/espulsione di massa di varie minoranze e oppositori politici (anarchici, ecc.) con l’accusa sempre popolare di essere “alleati ideologici del fascismo”. Naturalmente, questa politica razzista contro i tartari musulmani non era un’invenzione del regime sovietico. Nell’impero russo, lo zar aveva già avviato nel 18° secolo una politica di “slavizzazione” della Crimea, dando inizio alle prime persecuzioni contro i tartari. L’URSS, da buon successore dell’impero, continuò semplicemente l’opera dello zar. Putin continua a fare lo stesso oggi a sostegno delle sue ambizioni imperiali.

da FREEDOM – a Journal of Anarchist Socialism, Vol 1, No. 1, October 1886 – 4 ottobre 2022)

NELLA FOTO: RKAS il 1° Maggio 2012 a Donetsk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...